Sconfitta durissima per le Mustang

Grave sconfitta delle Mustang nella seconda in casa domenica 3 novembre.
Dopo la bella vittoria sulle ragazze umbre e la sconfitta combattuta fino alla fine con le ragazze aquilane una battutta d’arresto di proporzioni anche esagerate con le emiliane del Colorno vincenti per 111-7.
Le Mustang si presentano al Toti Patrignani con una formazione ridotta anche per la
concomitanza della Coppa Italia alla quale partecipano le ragazze di Forlì e Ancona che altrimenti in campionato giocano assieme a Pesaro. Con un solo, ma determinante al
fine della regolarità delle gara, rinforzo da Forlì (la esordiente e promettente Silvia Scozzoli) e nessuna ragazza proveniente dal CUS Ancona, le pesaresi si presentano al Toti Patrignani in sedici con Samantha Tombini che si sacrifica in un ruolo inusitato, estremo.
Le ragazze emiliane mostrano subito una superiorità atletica, soprattutto nei ruoli dei tre quarti, e nei primi minuti vanno a segno due volte. La reazione delle Mustang è di orgoglio e riescono ad andare in metà pressando le avversarie con percussioni ripetute degli avanti fino alla meta del giovane capitano Elisa Lisotti, trasformata dal mediano di mischia Chiara Volpi.
Sembrano esserci le condizioni per una partita più equilibrata ma le emiliane sfruttano alcuni buchi difensivi e finiscono il primo tempo con un largo margine che si allarga anche di più nel secondo tempo, anche a causa della panchina corta pesarese.
Un risultato meritato per il Colorno ma che forse le ragazze pesaresi non meritavano almeno dal punto di vista morale, come racconta il presidente Roberto Lisotti: “Hanno tenuto il campo, nonostante il punteggio, giocando fino all’ultimo minuto, onorando il
rugby e l’avversario”.
Domenica prossima le Mustang affronteranno le Fenici bolognesi al Toti Patrignani alle 12.30 e la non concomitanza con la Coppa Italia permetterà di avere una formazione maggiormente competitiva e una panchina più lunga con l’apporto delle ragazze
forlivesi e anconetane.